Iacopo Venier

la storia, le idee, le passioni e le lotte di un uomo libero

TRIESTE : la petizione per Furlancic ha 900 firme ed anche Il Piccolo ne deve parlare

14.11.10 Articolo Il Piccolo 640Oggi anche Il Piccolo, giornale di Trieste, deve dar conto dell’ottimo successo della petizione per ribadire la verità storica su Trieste ed impedire al PD di cacciare l’unico esponente politico che si è opposto al revisionismo.
Dopo settimane di campagne violente contro Furlancic per la prima volta devono prendere atto che in città, e non solo, tantissimi vogliono reagire ad una manovra che ancora una volta strumentalizza la Storia per miseri calcoli di bottega.
Sono già quasi 900 le firme on-line.
Il 13 novembre in Consiglio Comunale si discuterà una mozione di revoca del Presidente Iztok Furlancic presentata dalla destra e che il PD potrebbe sostenere. Non lasciamo che la cosa passi sotto silenzio.
Il Sindaco Roberto Cosolini deve sapere che quello che ha detto Furlancic è quello che pensiamo tutti noi!
Firmate, firmate, firmate!
https://www.change.org/p/trieste-sosteniamo-iztok-furlanič-e-la-verità-storica

Qui si può scaricare il modulo per raccogliere le firme su carta

Modulo petizione per Furlancic e la verità storica su Trieste

 

 

 

Taggato come: , , , , ,

3 Comments

  1. Piena solidarieta’ a Furlancic e quindi alle sue idee.I principi e la dignita sono archetipi del passato e adesso (purtroppo) di poche persone.

  2. Caro Dott. Venier, lei può richiedere le firme per qualsiasi cosa, ma i fatti storici acclarati sono che la liberazione di Trieste dai tedeschi iniziò e sostanzialmente si concretizzò il 30/04/1945 su ordine del comandante del CNL Don Marzari e all’azione parteciparono anche alcune squadre partigiane slovene. L’esercito regolare titino arrivò il giorno dopo e come prima cosa ordinò al CNL di deporre le armi, cosa che i partigiani italiani non fecero ed infatti ci furono alcune scaramucce. Quindi Trieste fu liberata dai partigiani locali il 30/04 (una delle ultime azioni note è la battaglia presso il Tribunale, si possono vederne ancora i segni sulla facciata del palazzo) i e non dall’ esercito di Tito che invece si occupò già dal primo maggio solo di aprire immediatamente i tribunali speciali e la Foiba di Basovizza cominciò a riempirsi. Quindi Iztok Furlanič ha fatto delle affermazioni storiche un po’ imprecise. Inoltre, non vedo come si possa definire liberatore un esercito che in 40 giorni e a guerra finita ha esercitato una simile violenza su una città, anche se fossero stati fisicamente loro a combattere gli ultimi tedeschi rimasti. Questi sono i dati storici ACCLARATI. Aggiungo inoltre un dato che ho appreso direttamente da testimoni in vita dell’ epoca: i tedeschi in realtà volevano arrendersi direttamente agli alleati, e li aspettavano, non volevano assolutamente cadere in mano dei partigiani o truppe irregolari in quanto temevano per la loro vita, per questo combatterono il 30/04/1945 e non si arresero subito. Il giorno dopo le truppe regolari jugoslave presero in consegna gli ultimi soldati tedeschi catturati a GUERRA FINITA e che ora riposano anche loro nella foiba assieme a circa 2000 italiani fra finanzieri, postini, studenti etc
    circa un minuto fa · Modificato · Mi piace

  3. Questa petizione risponde alla iniziativa della maggioranza del Sindaco Roberto Cosolini che ha votato quasi all’unanimità una mozione degli (ex) fascisti Bandelli e Rosolen che contiene una serie lunghissima di bestialità storiche tra le quali, la più assurda, è quella di dichiarare che Trieste fu liberata il 12 giugno 1945 e non il 1 maggio 1945. Bandelli e la Rosolen, che almeno da giovani avrebbero certamente optato per la gioventù hitleriana, in questo modo tentano di accreditare una ricostruzione falsata della Storia della città che vuole rimuovere il fatto che fu la Repubblica di Salò a consegnare Trieste ed il littorale direttamente alla sovranità tedesca. Trieste è stata liberata dai nazi fascisti dalle truppe partigiane come Berlino fu liberata dalla Armata Rossa e Parigi dalle truppe anglo americane. Per quanto riguarda i “poveri” tedeschi che si volevano salvare la vita per quello che hanno fatto in città, a partire dalla Risiera di San Sabba, non provo molta compassione…. Diceva George Orwell “chi controlla il passato controlla il futuro” . Chi ha firmato questa petizione non consentirà che qualcuno ricostruisca il passato per il proprio tornaconto.

Leave a Response